DA LUNEDI’ 27/11 A DOMENICA 3/12

 

MARTEDI’ 28/11

A Firenze vittoria a quota shock (70/1) di un’ ispirato Andrea Orlandi in sediolo a Beverly Trio che segue il leader dal via per ficcare uno spunto notevole nel finale.

A Taranto vince Vito  Punzi in sulky a Camelot Grif , che si estranea  dalla lotta iniziale , prende un’ ottima pariglia che gli consente ai 300 finali di attaccare e passare facile.

A Trieste  due gentlemen. Nella prima, sugli scudi Enrico Ramazzina ed il 12 anni Solista Matto, partenza soft dalla seconda fila , sposta al mezzo giro finale a centro pista per passare gia’ all’ imbocco della curva finale e chiudere la pratica a quota di (20/1).

Nella seconda, il ‘Doc’ Massimo De Luca , in sulky a Dorotea Trio, va al comando, gestisce i parziali a piacimento, staccando facile in retta.

 

MERCOLEDI’ 29/11

Ad Aversa Elena Villani presenta un Diamante in eccellente condizioni. Va a chiedere strada al leader sul finire della prima curva , cerca di gestire i parziali , ed in arrivo respinge ancora bene l’ allievo di Filippo Esposito.

A Roma Luigi Polverino con Emilia comandano dal via ed in retta mantiene ancora la meglio respingendo l’ attacco finale dell’ allieva di Collalti.

 

A TORINO GIORNATA GENTLEMEN NELL’ APPOSITA SEZIONE.

 

GIOVEDI’ 30/11

A Bologna vittoria da chiaro favorito di Stefano Baldi con Evangeline. Parte dalla seconda fila , risale gradatamente  trovando posto dietro al leader dopo 400 metri, attendendo la retta finale per dominarlo facilmente.

A Siracusa  altro sqillo di Andrea Sessa , questa , in sulky a Doncaster . Compito facilitato dalla rottura improvvisa del leader e seppur calando in retta si salva dal finish  velenoso dell’  allievo di Puccia.

 

VENERDI’ 1/12

A Montegiorgio due gentlemen  in giornata. Mattatore Leonardo Vastano che le vince ambedue, la prima, con Cybelle Font (Finale Trofeo del cuore), che spende per sfilare  e si rende poi intangibile in arrivo. A sorpresa raddoppia con Cataleya Wise As che prende facilmente il comando , per allungare in retta e concludere netto al traguardo.

A Treviso si e’ assistito al primo successo in carriera di Annalisa Consoli con Canal Grande Rob che segue il battistrada dal via e sparare in retta la centro pista la bordata vincente.

A Napoli successo di Ivo Amodio con Chantal Fb, dalla seconda fila , risale gradatamente , prende un’ ottima pariglia per dare fuoco alle polveri al mezzo giro conclusivo e andarsene a vincere isolato.

 

SABATO 2/11

Ad Aversa Luigi Polverino coglie un’ altra vittoria , super meritata percorso interamente al largo ,  con il  suo potente ma bisbetico Alvaro, risale dalla scomoda seconda fila e con percorso  proibitivo interamente ad aria in faccia in retta e’ ancora vitale per  demolire la resistenza del 10 anni di Michelangelo Franzese.

A Bologna altro timbro di Manuele Casillo, con Dali’ Del Roco  una vittoria ancor piu’ facile dopo la rottura con squalifica del rivale dichiarato. Al comando in pieno controllo sino al traguardo.

A Palermo in apertura di convegno successo da chiaro  favorito di Maurizio Giordano con Zeppelin Kyu Bar,  allo scoperto dal via demolisce il leader lasciandolo in lotta per il secondo posto.

A Roma , Luigi Starace colpisce duro con Dysis Del Circeo.Ottima partenza in schiena al leader , vi rimane sino  all’ apice della curva finale,  attacca e passa  nel finale.

 

DOMENICA 3/12

A Milano in vedetta Otello Zorzetto con il suo Barnaba Baba, al comando all’ uscita dei nastri , si porta a spasso la compagnia allungando facile in retta.

A Foggia vince ancora Vito Punzi con il sempre positivo 10 anni Ago Doc, lesto dalla seconda fila , sfila dopo 400 metri ed in retta tiene a bada il finale dell’ allievo di Silvestro.

A Firenze nelle due gentlemen  valide come batterie  del Trofeo Meyer (la finale ci sarà venerdi),  prestazione da bollino rosso di Bamako dei Greppi con il suo proprietario Nicola Del Rosso , percorso interamente all’ esterno ai lati dell’ allievo di Zaccherini , prendendo la meglio gia’ a meta’ retta. Nella seconda  solito finale ad effetto di Graziano Tacconi e il suo portacolori Vortice D’ Amore. ‘Nascosto’ sino all’ ingresso in retta per esplodere il solito finish  a velocita’ doppia  per imporsi facilmente.