L’ INTERVISTA – QUATTRO CHIACCHIERE

CON….ROBERTO TOMMASINI 

 

Pochi mesi fa’ ho conosciuto Roberto con la promessa di rivederci per parlare di ippica e per realizzare un’ intervista  per conoscere meglio  il gentleman bolognese.

Eta’ : 51 anni. 

Professione , sovraintendente di polizia Stradale.

Club di appartenenza:  Emilia Romagna

Vittorie ottenute: 18 

Una passione tramandata dal padre, fin da piccolo si andava principalmente all’ Arcoveggio , per poi in estate spostarsi a Cesena.

La passione coltivata porta con gli anni  a conoscere l’ ex gentleman Carlo Gaiani e con i suoi cavalli fare i primi attacchi ed e’ cosi’  che e’ nata la voglia di fare il grande salto e di impadronirsi del patentino di categoria .

Dal 2004 e’ un gentleman , sono tre i suoi cavalli di proprietà. Tutti i cavalli son rimasti nel cuore di Roberto, da Zeffirelli con il quale ha effettuato a  Tordivalle  l’ esame di guida ed ha poi raggiunto il primo piazzamento.

Tra le vittorie conseguite , ricorda quella con Egalik a Bologna  nel Trofeo Croce Rossa  ma anche il piazzamento marginale nella finale.

Oggi indubbiamente Asia Ll e’ la   cavalla con la quale si trova a meraviglia, una cavalla che sa far tutto e dal cuore grande. In passato ricorda  Mr Fantastic Ron con il quale vinse a Bologna , in testa dal via, Opale Ron e tanti altri.

La piu’ bella pilota che ha fatto,è secondo Roberto, quella a Cesena con il suo Egalik con percorso

interamente in scia al leader per batterlo in retta (una categoria FG con i nastri).

La piu’ deludente con Pickering sempre a Cesena, andò al comando ma si arrese dopo un giro per problemi fisici.

Purtroppo fu la sua ultima corsa e decise proprio in quella occasione di fargli godere la pensione.

Simpaticissimo quando si parla di aneddoti, ricorda a Modena , proprio con Pickering di essersela vista brutta, quando a partire in seconda fila , non riusciva a controllare l’ impeto del cavallo, trovando poi modo di entrare in open stretch, ma facendo rimandare la partenza.

Gli piacerebbe guidare qualsiasi cavallo purche’ sia bravo tra i cavalli e duttile.

Il sogno di Roberto e’ di rivedere , almeno in parte, l’ ippica degli anni 90, con piu’ spettatori  per rivivere certe emozioni che oggi son purtroppo  ben lontane .

Ringrazio Roberto, persona speciale, che mi ha dedicato del suo tempo  per questa intervista, a lui auguro di continuarsi a divertirsi ogni qualvolta e’ chiamato in causa .

Grazie Roby!